Salute
Ambiente
Sport
Società
Beni culturali
Patrimoni edilizi
Imprese
Economia
Scuola
Università
Turismo Enogastronomia Virtual
Poleis
Innovazione
Tecnologica
 
 ambiente    NOTIZIE O Line

Dolomiti Stars, tornano orsi, lupi, aquile e gufi reali

Le specie più rare e nobili di madre natura tornano a popolare le Dolomiti recentemente elette dall’Unesco a bene naturale patrimonio universale dell’umanità


Il lupo è tornato a fare la sua comparsa nel nord-est Italia, dopo oltre ottant’anni di assenza, e per farlo ha scelto le Dolomiti. I resti di un esemplare adulto, morto per cause naturali, sono stati ritrovati nei pressi del Passo San Pellegrino. Era infatti dal 1929 che non si segnalava la presenza di questo animale sulle Dolomiti. Probabilmente si tratta di un esemplare proveniente dall’area balcanica, di Croazia e Slovenia, come l'ormai famoso “Orso Dino” che da alcuni mesi ha scelto le Dolomiti come dimora ideale per trascorrere le sue giornate.

Questi esemplari sono una conferma di come molte specie rare stiano ricolonizzando le Dolomiti bellunesi: oltre all’orso e al lupo anche la maestosa aquila reale e lo splendido gufo reale.
Animali rari che si aggiungono a cervi, caprioli, stambecchi, camosci, volpi, tassi, scoiattoli, lepri e numerose specie di volatili.
Un segnale importante sinonimo della qualità che questi animali trovano nell’ambiente naturale dell’area di Dolomiti Stars, in tutte le zone del Consorzio dallo Ski Civetta, a Falcade-Passo San Pellegrino, Arabba e Marmolada. Si tratta delle stesse Dolomiti recentemente elette dall’Unesco a bene naturale patrimonio universale dell’umanità.

Niente paura però, non si tratta di una minaccia per turisti e valligiani! Questi animali infatti (in particolare il Canis Lupus per natura schivo e timoroso) amano stare lontani da occhi indiscreti, si muovono soprattutto al calare della luce del sole e sono soliti rimanere nelle parti più impervie e difficilmente raggiungibili del territorio, evitando gli esseri umani e i luoghi affollati.
“Inoltre – rassicurano gli uomini della Polizia Provinciale di Belluno - è più probabile che un lupo transiti attraverso il territorio della Provincia di Belluno passando lungo il corridoio che porta da est verso le aree montuose meno popolate e selvagge dell’Austria e della Svizzera, piuttosto che scelga per tutta una serie di motivazioni di stazionare qui in Italia”.


(12-10-2009 15:43)



 
[ stampa ]    [ archivio ]  [ home ]

A Perugia, l'inganno di venticinque artisti internazionali

Musei a cielo aperto a Milano

FRAME al Salone del Libro di Torino

Buon compleanno Palazzo Barberini

Consumi, a marzo il livello più basso dal 2000

Ad Eboli, una settimana dedicata a Carlo Levi

Venezia, tre mostre all'Officina delle Zattere

Nasce MImprendo Italia, la creatività dei giovani per l’impresa di domani

Aspettando la nuova banconota da 5 euro

Vino, in Italia arriva la stampa cinese

UNESCO, l’Italia candida una pratica agricola a patrimonio dell’umanità

Turismo, un 2012 all'insegna del segno "meno"

M’illumino di meno 2013, 
 la festa del risparmio energetico “sale” in politica

The New Italian Design 2.0. Alla Triennale

Nuova vita per la genovese Via del Campo

Raffaello verso Picasso. Una mostra di ritratti

La fastosa dimora dell’ultimo Doge di Venezia si fa scrigno di dipinti sacri e profani di Giovanni Battista Tiepolo

Le Atmosfere di Piero Pizzi Cannella al Mic

Natale in famiglia per gli Italiani

 


Pubblicato in S.Mariano - Perugia - Italia - Ultimo aggiornamento: 12-10-2009 alle :